Post più Popolari

Ultimi Post Pubblicati

Money Monster - L'altra faccia del denaro (Money Monster) è un film del 2016 diretto da Jodie Foster. Tra gli interpreti principali fig...

Money Monster - L'altra faccia del denaro (Money Monster) è un film del 2016 diretto da Jodie Foster.

Tra gli interpreti principali figurano George Clooney, Julia Roberts, Jack O'Connell e Dominic West.


Trama

L'esperto finanziario Lee Gates è il brillante presentatore televisivo dello show Money Monster. 24 ore prima della sua trasmissione televisiva, il titolo di borsa IBIS Clear Capital precipita, apparentemente a causa di un guasto dell'algoritmo di trading, costando agli investitori 800 milioni di dollari. Lee prevedeva di far apparire l'amministratore delegato di IBIS, Walt Camby, per un'intervista sull'incidente, ma Camby nel frattempo li avvisa di essere diretto a Ginevra per un viaggio d'affari.

Durante la trasmissione, un finto ragazzo delle consegne si avvicina al set, tira fuori una pistola e prende Gates in ostaggio, costringendolo a indossare un giubbotto carico di esplosivo. Il detonatore è stato azionato tramite un pulsante del telecomando tenuto in mano dal ragazzo: se questi lo rilascia, il giubbotto esplode[1]. Il giovane si chiama Kyle Budwell e ha investito su IBIS 60.000 dollari, ereditati dalla madre deceduta, dopo che Lee aveva suggerito ai suoi spettatori l'acquisto di azioni della società. Così come accaduto ad altri investitori, Kyle perde tutto. Dopo aver fatto irruzione nello studio, egli minaccia di far saltare in aria Lee e il luogo in cui si trovano se quest'ultimo non gli fornisce le spiegazioni che cerca. Allertata la polizia, si scopre che il ricevitore dell'esplosivo è posizionato vicino al rene di Lee. L'unico modo per distruggere il ricevitore, e quindi disinnescare la bomba, sarebbe dunque quello di sparare a Lee e sperare che sopravviva. Tutta la vicenda si svolge sotto lo sguardo attento di milioni di telespettatori sparsi in tutto il mondo.

Con l'aiuto della regista dello show, Patty Fenn, Lee cerca di calmare Kyle e di rintracciare Camby. Kyle, però, inizia a innervosirsi quando i dipendenti di Lee e l'addetta stampa di IBIS, Diane Lester, gli offrono di compensare la sua perdita finanziaria. Inoltre è infastidito dall'insistenza di Diane nel sostenere che l'algoritmo di trading è il vero colpevole del calo dei titoli in borsa. Nemmeno lei stessa è convinta della propria spiegazione e chiede che i dipendenti di Lee contattino il programmatore che ha creato l'algoritmo, Won Joon. Quest'ultimo, messo in contatto telefonico, afferma che un algoritmo non può prendere una posizione così netta a meno che non sia un essere umano a intervenirvi.

Lee fa appello ai suoi telespettatori per aiutarlo, senza ricevere però le risposte che si aspettava. Nel frattempo la polizia di New York trova la ragazza di Kyle, Molly, che è incinta, e le permette di parlare con il suo fidanzato attraverso una video chiamata. Lee, apparentemente dispiaciuto per Kyle, accetta di aiutarlo a scoprire che cosa è andato storto.

Quando Camby finalmente ritorna dal suo viaggio d'affari, Diane, attraverso il passaporto dell'amministratore delegato di IBIS, scopre che non si trovava a Ginevra, bensì a Johannesburg. Con questo indizio, insieme ai messaggi del telefono di Camby, Patty e il team di Money Monster contattano un gruppo di hacker islandesi per farsi aiutare a cercare la verità. Dopo che un cecchino della polizia ha sparato un colpo a Lee mancandolo, lui e Kyle decidono di intercettare Camby al Federal Hall National Memorial, dove, secondo Diane, è diretto. I due vi si recano insieme a uno dei cameraman della rete, Lenny, seguiti dalla polizia e da una folla di spettatori. Kyle spara casualmente e ferisce il produttore Ron Sprecher, dopo che quest'ultimo aveva lanciato a Lee un nuovo auricolare utilizzato nelle comunicazioni con la polizia.

Una volta entrati, entrambi provano ad incastrare Camby grazie alle prove video avute dagli hacker. Essi scoprono che Camby ha corrotto l'Unione dei minatori del Sudafrica, progettando d'investire 800 milioni di dollari in una miniera di platino mentre i minatori erano in sciopero. Lo sciopero ha ridotto il valore dei titoli azionari della miniera, permettendo a Camby di comprarli a un prezzo contenuto. Se il suo piano fosse riuscito, IBIS avrebbe generato un profitto di un miliardo e seicento milioni dollari. La truffa fallisce quando l'Unione si oppone al tentativo di corruzione. Camby aveva tentato di corrompere il leader sindacale Moshe Mambo, al fine di fermare lo sciopero, ma il rifiuto di Mambo e la decisione di continuare lo sciopero hanno causato il crollo del titolo di IBIS.

Nonostante le prove, Camby nega la sua truffa fino a quando Lee dietro suggerimento di Kyle si toglie la giacca esplosiva e la mette su di lui; Camby è così costretto ad ammettere il suo errore. Kyle riesce quindi nel suo intento, ma viene colpito da un proiettile sparato dalla polizia, sotto gli sguardi di Lee e del cameraman.

In seguito, IBIS viene messa sotto inchiesta mentre Camby è accusato di violazioni della legge sulle pratiche di corruzione straniera.

Interpreti e personaggi
George Clooney: Lee Gates
Julia Roberts: Patty Fenn
Jack O'Connell: Kyle Budwell
Dominic West: Walt Camby
Caitriona Balfe: Diane Lester
Giancarlo Esposito: capitano Marcus Powell
Christopher Denham: Ron Sprecher
Emily Meade: Molly
Lenny Venito: Lenny
Grant Rosenmeyer: Dave
Chris Bauer: tenente Nelson
Dennis Boutsikaris: Avery Goodloe
Condola Rashād: Bree
Aaron Yoo: Won Joon
Carsey Walker Jr.: Sam

Doppiatori italiani
Francesco Pannofino: Lee Gates
Cristina Boraschi: Patty Fenn
Alessandro Tiberi: Kyle Budwell
Simone Mori: Walt Camby
Claudia Catani: Diane Lester
Alberto Angrisano: capitano Marcus Powell
Gianfranco Miranda: Ron Sprecher
Gaia Bolognesi: Molly
Dario Oppido: Lenny
Nanni Baldini: Dave
Luca Biagini: tenente Nelson
Angelo Maggi: Avery Goodloe
Chiara Gioncardi: Bree
Francesco De Francesco: Won Joon
Edoardo Stoppacciaro: Sam

hBad Samaritan è un film del 2018 diretto da Dean Devlin. La pellicola, un thriller/horror, ha per protagonisti David Tennant e Robert Sheeh...

hBad Samaritan è un film del 2018 diretto da Dean Devlin. La pellicola, un thriller/horror, ha per protagonisti David Tennant e Robert Sheehan. Il film è inedito in Italia.

Trama
Portland, Oregon, il giovane Sean Falco tenta di guadagnarsi da vivere come fotografo freelance. Si rifiuta di essere legato a un noioso lavoro in giacca e cravatta in qualche azienda, con grande dispiacere per suo padre. Almeno ha il sostegno della fidanzata Riley nel continuare a inseguire i suoi sogni. Tuttavia, vivere in questo mondo costa denaro, e così Sean la sera è costretto a fare il parcheggiatore in un popolare ristorante assieme al suo migliore amico Derek. Questa attività è tuttavia solo una facciata, dato che i due, a turno, prendono "in prestito" le lussuose macchine che vengono lasciate loro in custodia e ripuliscono gli appartamenti dei clienti mentre questi sono seduti a tavola, rubando oggetti la cui assenza sperano non sia mai notata. Una notte pensano di poter fare il colpo della vita quando un ricco uomo d’affari, Cale Erendreich, si presenta a bordo di una Maserati e gliela affida. Tuttavia quando Sean arriva nella villa delle meraviglie, all’interno trova una ragazza legata e imbavagliata, una scoperta che ben presto metterà in grave pericolo non soltanto la sua vita, ma anche quelle delle persone a cui tiene di più.

Produzione
Il 16 settembre 2013 è stato annunciato che l'Electric Entertainment di Dean Devlin ha acquisito il copione del thriller No Good Deed, scritto da Brandon Boyce, sul quale Marc Roskin avrebbe debuttato come regista e che sarebbe stato prodotto da Devlin, Roskin, e Rachel Olschan. Il 25 agosto 2016 è stato riferito che Devlin avrebbe diretto il film e che David Tennant era stato scelto come un uomo la cui casa è stata svaligiata dai parcheggiatori delle auto. Il 22 settembre 2016, Robert Sheehan è stato scelto per recitare, come uno dei ladri, e il 29 novembre 2016, Carlito Olivero si è unito per interpretare l'altro ladro. Più tardi, fu annunciato il cast, tra cui Kerry Condon, Jacqueline Byers e Lisa Brenner.

Le riprese del film sono iniziate all'inizio del 2017 a Portland, in Oregon.
Interpreti e personaggi
David Tennant: Cale Erendreich
Robert Sheehan: Sean Falco
Kelly Macdonald: Katie NicAoidh
Jacqueline Byers: Riley
Carlito Olivero: Derek
Kerry Condo: Katie Hopgood
Tracey Heggins: Olivia Fuller

Come un uragano (Nights in Rodanthe) è un film del 2008 diretto da George C. Wolfe. Il film, interpretato da Richard Gere e Diane Lane, è u...

Come un uragano (Nights in Rodanthe) è un film del 2008 diretto da George C. Wolfe.

Il film, interpretato da Richard Gere e Diane Lane, è un adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Nicholas Sparks.

La pellicola, uscita nelle sale cinematografiche italiane il 19 dicembre 2008, segna la terza collaborazione tra Richard Gere e Diane Lane, dopo The Cotton Club e Unfaithful - L'amore infedele.

Come un uragano è senza dubbio l'adattamento meno riuscito della lunga filmografia tratta dalle opere di Sparks e non riesce a raggiungere l'equilibrio necessario a rivolgersi ad un pubblico ampio e variegato (vedi "I ponti di Madison County"), ma non per questo la sua "formalità" visiva non troverà un suo pubblico (il film è indirizzato ad un pubblico prettamente femminile), naturalmente cinici e disillusi sono caldamente pregati di astenersi dalla visione.

Trama
Adrienne Willis è una casalinga madre di due figli, divorziata dal marito Jack da qualche anno dopo il tradimento di quest'ultimo. La donna decide di prendersi del tempo per riflettere, sfruttando la richiesta della sua amica Jean di sostituirla per qualche giorno nella sua locanda a Rodanthe.

Qui Adrienne incontra Paul Flanner, uno stimato chirurgo plastico, l'unico ospite della settimana. Tra i due nasce un'intensa amicizia, che porta Paul a confidarsi con Adrienne del difficile rapporto con il figlio Mark, sul suo divorzio e sul vero motivo per il quale si trova lì: deve incontrare il marito di una sua paziente morta in sala operatoria, dopo che quest'ultimo gli ha fatto causa. Anche Adrienne si apre con lui, raccontandogli dei figli e del difficile periodo passato dopo il tradimento del marito. Nel frattempo su Rodanthe si sta per abbattere un forte uragano, cosa che spinge Paul a cercare subito il marito della sua paziente. L'incontro non va come sperato: Paul incontra il figlio della vittima che lo caccia in malo modo.

Dopo qualche giorno, mentre Paul e Adrienne allestiscono le protezioni contro l'uragano, il marito della paziente va alla locanda per parlare con Paul. A fine conversazione Paul e Adrienne litigano: con l'uragano in procinto di abbattersi sulla locanda, i due tornano dentro infuriati. Subito dopo Paul salva Adrienne da un mobile che stava per schiacciarla spingendola via, e trovatisi abbracciati i due si baciano.

Il giorno dopo, Adrienne si rende conto di essere innamorata di Paul. Quella sera i due vanno a una festa in paese per festeggiare la fine dell'uragano e una volta tornati a casa fanno l'amore per la prima volta. I due passano insieme qualche giorno, poi Adrienne spinge Paul a andare a cercare Mark, anche lui medico che dirige una clinica in Ecuador. I due si lasciano con la promessa che dopo l'anno di separazione passeranno insieme tutta la vita. L'anno di separazione passa in fretta: Paul e Adrienne si mandano regolarmente delle appassionate lettere, e si sentono al telefono. Ma quando arriva il momento del ritorno di Paul, quest'ultimo non si presenta. Dopo qualche giorno Adrienne riceve la visita di Mark, il figlio di Paul, che le dice che Paul è morto in Ecuador a causa di una frana mentre cercava di salvarlo. Mark ringrazia Adrienne per aver salvato suo padre e averglielo restituito, e prima di andarsene gli lascia una scatola con gli oggetti di Paul: le loro lettere, lo stetoscopio, i suoi occhiali da sole.

Adrienne passa un lungo periodo di depressione, dal quale esce grazie all'amica Jean e alla figlia Amanda. Il film termina con una bellissima scena nella quale Adrienne saluta nel vento il ricordo di Paul, aprendosi ad un nuovo domani.


Interpreti e personaggi
Richard Gere: Dr. Paul Flanner
Diane Lane: Adrienne Willis
Viola Davis: Jean
Christopher Meloni: Jack Willis
Mae Whitman: Amanda Willis
Charlie Tahan: Danny Willis
Scott Glenn: Robert Torrelson
James Franco: Mark Flanner
Pablo Schreiber: Charlie Torrelson
Becky Ann Baker: Dot
Carolyn McCormick: Jenny
Ted Manson: Gus
Doppiatori italiani
Luigi La Monica: Dr. Paul Flanner
Roberta Pellini: Adrienne Willis
Laura Romano: Jean
Marco Mete: Jack Willis
Veronica Puccio: Amanda Willis
Emiliano Coltorti: Mark Flanner

I due volti di gennaio (The Two Faces of January) è un film del 2014 scritto e diretto da Hossein Amini, all'esordio dietro la macchina...

I due volti di gennaio (The Two Faces of January) è un film del 2014 scritto e diretto da Hossein Amini, all'esordio dietro la macchina da presa, con protagonisti Kirsten Dunst, Oscar Isaac e Viggo Mortensen.

La pellicola è l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo scritto da Patricia Highsmith nel 1964, già portato sul grande schermo col film tedesco Die zwei Gesichter des Januars del 1986, diretto da Wolfgang Storch e Gabriela Zerhau.

Il senso opprimente di un destino segnato richiama le atmosfere del noir, contraddette abilmente dalla luminosità dell'ambientazione greca, pittoresca e affascinante, sempre sull'orlo del turistico-vacanziero, ma sempre capace di restare saldamente al di qua del precipizio oleografico. La datazione rétro e la narrazione ragionata e attenta ai dettagli evocano un cinema d'altri tempi, con il gusto un po' antico di qualcosa di già visto, ma di solido, raffinato e intelligente intrattenimento. La conclusione - forse sin troppo "significativa" nel chiudere in modo simbolico e "giusto" la storia e i legami tra i personaggi - non delude, ma non sorprende.

Trama.

Atene, Grecia, 1962. Una facoltosa coppia di turisti americani - l'affarista Chester MacFarland e l'affascinante moglie Colette - incrocia casualmente la propria esistenza con quella di Rydal Keener, un giovane americano che in polemica col padre, di cui ha appreso da poco la dipartita, se la passa in Grecia facendo la guida turistica e spennando con moderazione i connazionali che si affidano a lui. Ma se Rydal è anche e forse soprattutto un imbroglione, anche Chester ha i suoi lati oscuri che si materializzano nella visita di un detective privato nella sua camera d'albergo. Minacciandolo con una pistola, il detective gli ordina la restituzione dei soldi persi dagli investitori malavitosi che si erano fidati di lui. Ne nasce una lotta che termina con la morte del detective per una botta alla testa. Proprio in quel momento arriva Rydal per restituire un braccialetto che Colette ha dimenticato in taxi. Chester ne approfitta per farsi aiutare dal giovane a scappare con la moglie verso Creta in vista di una fuga definitiva con nuove identità. Basato su un crimine, il legame che nasce tra i tre si complica ulteriormente per la reciproca attrazione provata da Rydal e Colette.

Interpreti e personaggi.

Viggo Mortensen: Chester MacFarland
Kirsten Dunst: Colette MacFarland
Oscar Isaac: Rydal
Yigit Özsener: Yahya
Nikos Mavrakis: giovane sulla barca
Prometheus Aleifer: giovane musicista greco
Ozan Tas:


Doppiatori italiani.

Pino Insegno: Chester MacFarland
Domitilla D'Amico: Colette MacFarland
Gabriele Sabatini: Rydal

Il falò delle vanità (The Bonfire of the Vanities) è un film, commedia drammatica, del 1990 diretto da Brian De Palma basato sull'omoni...

Il falò delle vanità (The Bonfire of the Vanities) è un film, commedia drammatica, del 1990 diretto da Brian De Palma basato sull'omonimo romanzo di Tom Wolfe, pubblicato originariamente a puntate sulla rivista Rolling Stone. Il film è stato un insuccesso sia di critica che di incassi e vede come protagonisti Tom Hanks, Bruce Willis, Melanie Griffith e Morgan Freeman. La sceneggiatura è stata scritta da Michael Cristofer e la colonna sonora originale composta da Dave Grusin. Il sottotitolo del film è "una scandalosa storia di avidità, lussuria e vanità in America".

Tratto dal famoso best-seller di Tom Wolfe, che a più riprese altri registi hanno tentato di riproporre in versione cinematografica.


Sherman McCoy è un operatore di Wall Street, che guadagna milioni grazie alle commissioni che riceve per ogni affare che contribuisce a concludere. Sherman si gode una vita dorata, fatta di auto di lusso, superattici sulla quinta strada e feste mondane. Inoltre intrattiene una relazione extraconiugale con Maria Ruskin, moglie del magnate Arthur Ruskin.

Una sera mentre vanno verso l'appartamento di Maria a Manhattan, sbagliano strada e si ritrovano nel Bronx. Ed è proprio a questo punto che una situazione apparentemente banale dà il via a una serie di eventi che sconvolgerà e cambierà per sempre la vita di Sherman: un copertone da camion blocca il transito su una strada secondaria che i due devono percorrere per uscire dal Bronx e tornare sull'autostrada per Manhattan; mentre Sherman scende dalla sua Mercedes per spostare il copertone, due tizi di colore gli si avvicinano con l'intenzione di rapinarlo. Maria allora si mette al volante dell'auto, Sherman riesce a fuggire e dopo aver bloccato le portiere si danno alla fuga, ma Maria investe accidentalmente uno dei due, Harry Lamb, che il giorno seguente cade in coma.

Sherman vorrebbe chiamare subito la polizia, ma Maria lo convince a non farlo. La storia viene gonfiata e sfruttata da più parti. Il reverendo Bacon la sfrutta per dare addosso ai bianchi ricchi e per trarne un vantaggio economico, infatti il suo amico avvocato Fox vuole fare causa all'ospedale per negligenza e ottenere così 10 milioni di dollari di risarcimento. Il procuratore Weiss vuole sfruttare la storia per fini elettorali e il giornalista semialcolizzato e quasi fallito Peter Fallow, che riceve l'esclusiva, torna a essere un cronista di successo, un attimo prima di perdere il suo lavoro.

Sherman viene così dato in pasto alla stampa, perde il posto di lavoro a Wall Street e viene anche piantato dalla moglie Judy. La sua vita è distrutta, ma grazie a un nastro riesce a dimostrare che al volante c'era Maria, e che proprio lei non ha voluto chiamare la polizia, e così si salva.

Recensione
Il film è stato un flop sia a livello commerciale, che di critica. Costato circa 47 milioni di dollari, ne ha guadagnati alla sua uscita appena 15 negli Stati Uniti d'America. Molti critici non hanno apprezzato la scelta del cast, soprattutto la scelta di Tom Hanks nel ruolo di Sherman McCoy e Bruce Willis in quello di Peter Fallow.

Interpreti e personaggi
Tom Hanks: Sherman McCoy
Bruce Willis: Peter Fallow
Melanie Griffith: Maria Ruskin
Kim Cattrall: Judy McCoy
Saul Rubinek: Jed Kramer
Morgan Freeman: giudice Leonard White
Kirsten Dunst: Campbell McCoy
Kevin Dunn: Tom Killian
Clifton James: Albert Fox
Louis Giambalvo: Ray Andruitti
Donald Moffatt: Mr. McCoy
Alan King: Arthur Ruskin
F. Murray Abraham: Procuratore Weiss
Beth Broderick: Caroline Heftshank
Kurt Fuller: Pollard Browning
Robert Stephens: Sir Gerald Moore
Richard Libertini: Prof. Ed Rifkin


Doppiatori italiani
Roberto Chevalier: Sherman McCoy
Marco Mete: Peter Fallow
Isabella Pasanisi: Maria Ruskin
Anna Rita Pasanisi: Judy McCoy
Manlio De Angelis: Jed Kramer
Renato Mori: giudice Leonard White
Pino Insegno: Tom Killian
Massimo Corvo: Arthur Ruskin
Sandro Sardone: Procuratore Weiss
Francesco Vairano: Sir Gerald Moore
Cesare Barbetti: Prof. Ed Rifkin

Linea mortale (Flatliners) è un film del 1990 diretto da Joel Schumacher, che narra le vicende di un gruppo di studenti di medicina che sper...

Linea mortale (Flatliners) è un film del 1990 diretto da Joel Schumacher, che narra le vicende di un gruppo di studenti di medicina che sperimentano su sé stessi la morte indotta chimicamente con l'unico scopo di provare l'esistenza dell'aldilà.

Il titolo originale del film deriva dal termine inglese "flatline" ("linea piatta"); questa è la linea che viene visualizzata sulla strumentazione medica collegata ad un paziente quando il cuore di quest'ultimo si ferma.

Linea mortale è stato il primo film interpretato da Julia Roberts dopo il successo di Pretty Woman, e proprio grazie alla partecipazione a questo film nacque la sua storia con il collega Kiefer Sutherland.


Trama
Nelson convince il suo gruppo di amici dell'università ad aiutarlo in un controverso esperimento scientifico. L'idea è semplice, provocare la morte tramite forti dosi di medicinali e resuscitare, grazie alla scienza, per poi raccontare agli altri la propria esperienza nell'aldilà. Ognuno nel gruppo partecipa per la voglia di sperimentare e poco per volta diventa una sorta di scommessa a chi resterà morto più a lungo. Ma dopo poco tempo il gruppo si trova a fare i conti con oscure presenze, a volte violente, come nel caso di Nelson, che sembrano volerli punire per degli eventi del loro passato.
Interpreti e personaggi
Kiefer Sutherland: Nelson Wright
Julia Roberts: Rachel Mannus
Kevin Bacon: David Labraccio
William Baldwin: Joe Hurley
Oliver Platt: Randy Steckle
Kimberly Scott: Winnie Hicks
Joshua Rudoy: Billy Mahoney
Benjamin Mouton: padre di Rachel
Hope Davis: Anne Coldren
Beth Grant: casalinga
Doppiatori italiani
Edizione originale
Francesco Pannofino: Nelson Wright
Cristina Boraschi: Rachel Mannus
Marco Mete: David Labraccio
Vittorio De Angelis: Joe Hurley
Nino Prester: Randy Steckle
Anna Rita Pasanisi: Winnie Hicks
Marco Vivio: Billy Mahoney
Ilaria Stagni: Anne Coldren

Air America è un film statunitense del 1990 diretto da Roger Spottiswoode, con Mel Gibson e Robert Downey Jr.. Il film, dedicato all'as...

Air America è un film statunitense del 1990 diretto da Roger Spottiswoode, con Mel Gibson e Robert Downey Jr..

Il film, dedicato all'assistente del regista Michael Katzin, è ispirato alle vicende della compagnia aerea Air America ed è tratto dal romanzo di Christopher Robbins.


Trama
Nel 1969, Billy Covington è un pilota di elicottero che è appena stato licenziato per le sue evoluzioni aeree troppo rischiose. Un misterioso straniero gli offre un lavoro nel Laos, consistente nel volare per una compagnia civile nota come Air America. Senza alcun'altra opportunità di impiego, Billy accetta il lavoro e si trasferisce nel Laos.

Al suo arrivo all'aeroporto di Long tieng[1] viene presentato al personale ed affiancato al pilota veterano Gene Ryack. Alla fine del primo giorno di lavoro Billy ha già capito che quasi tutti i piloti della compagnia hanno delle attività parallele, e lo stesso Gene è un mercante d'armi. Quella stessa notte, in un bordello locale, realizza rapidamente con che strana e pericolosa compagnia si trova coinvolto.

Il giorno seguente arriva in Laos il senatore Davenport, politico onesto ma poco perspicace, per una missione: a Washington infatti girano voci secondo le quali Air America sarebbe in realtà una facciata per finanziare le milizie locali col traffico di eroina, e Davenport è li per verificarlo. Comunque, il maggiore Lemond e Rob Diehl, in qualità di capi di Air America appartenenti alla CIA, hanno una copertura già pronta per sviare il senatore e impedirgli di scoprire cosa stia realmente accadendo. Davenport viene portato qua e là per campi profughi, templi, sepolcri e grandi città, nel tentativo di tenerlo lontano dal giro.

Nel frattempo, Covington e Jack Neely vengono abbattuti con il loro C-123 cargo, mentre paracadutano bestiame su villaggi rurali; la Air America mette in opera un tentativo di recupero. Billy e Jack però vengono lasciati in un territorio ostile, mentre il carico viene recuperato. A questo punto Gene rischia la sua vita per raccogliere Billy con il suo elicottero UH-1, anche se nell'operazione resta danneggiato al punto che si schianta anch'egli. Persi e senza contatti, Ryack e Covington sono dispersi nella giungla del Laos, dove vengono catturati da una tribù. Di fronte a indigeni ostili, Gene mostra il suo istinto per gli affari quando nota che questi usano fucili a pietra focaia vecchi e inaffidabili, e riesce a convincerli a risparmiare le loro vite in cambio di armi migliori.

Tornati a casa della famiglia di Gene, i due apprendono che Jack Neely è rimasto ucciso mentre era alla loro ricerca. Il giorno seguente, mentre Gene trova un acquirente per le sue armi, Billy sta facendo il suo ultimo volo prima di abbandonare la compagnia ma viene improvvisamente chiamato a terra per una ispezione di routine. Fiutando una trappola, Billy cerca nel suo cargo e trova alcuni chili di eroina nascosti in sacchi di farina, mentre a terra lo aspetta una banda di uomini armati. Per questo motivo si rifiuta di atterrare e cerca di fuggire ma scopre presto di essere a corto di carburante. Si schianta così con il suo piccolo velivolo sulla stessa striscia di terra dove era atterrato alcuni giorni prima ed usa i rottami dell'aereo più grande per nascondersi.

A questo punto il Senatore capisce quello che sta accadendo e dichiara al Maggiore Lemond di essere ormai a conoscenza dell'intera situazione e di sospettare del Maggiore come responsabile del traffico di eroina. Il Maggiore Lemond sfida il Senatore a riferire le sue accuse a Washington, affermando di avere abbastanza coperture politiche per sopravvivere a qualsiasi accusa.

Gene, nel frattempo, soccorre Billy, recuperandolo dal luogo dell'atterraggio di fortuna. Mentre stanno occupandosi del carico d'armi, i due ricevono una richiesta di aiuto da un campo di rifugiati che sono in pericolo di vita poiché si trovano nel bel mezzo del fuoco incrociato di un combattimento, ed il loro aereo è l'unico presente in zona per avviare una operazione di soccorso. Billy decide di rispondere alla richiesta; dopo essere riusciti nell'impresa i due decidono di vendere il loro aereo per ritirarsi.


Interpreti e personaggi
Mel Gibson: Gene Ryack
Robert Downey Jr.: Billy Covington
Nancy Travis: Corinne Landreaux
Ken Jenkins: maggiore Donald Lemond
David Marshall Grant: Rob Diehl
Lane Smith: Senatore Davenport
Art LaFleur: Jack Neely
Ned Eisenberg: Nick Pirelli
Marshall Bell: Q.V.
David Bowe: Saunders
Burt Kwouk: generale Lu Soong
Tim Thomerson: Babo
Harvey Jason: Nino
Sinjai Plengpanit: May Ling
Natta Nantatanti: figlia di Gene
Purin Panichpan: figlio di Gene


Doppiatori italiani
Luca Ward: Gene Ryack
Massimo Rossi: Billy Covington
Claudia Razzi: Corinne Landreaux
Massimo Dapporto: maggiore Donald Lemond
Oliviero Dinelli: Rob Diehl
Michele Kalamera: Senatore Davenport
Stefano De Sando: Jack Neely
Mino Caprio: Nick Pirelli
Angelo Nicotra: Babo

Ragazze interrotte (Girl, Interrupted) è un film del 1999 diretto da James Mangold, con Winona Ryder e Angelina Jolie. È un adattamento del...

Ragazze interrotte (Girl, Interrupted) è un film del 1999 diretto da James Mangold, con Winona Ryder e Angelina Jolie.

È un adattamento del diario di Susanna Kaysen La ragazza interrotta.

Trama.

1967. Susanna Kaysen è una ragazza all'apparenza normale, con un cattivo rapporto con i genitori, piena di insicurezze e debolezze, che a volte si rifugia in un universo mentale personale. Ama scrivere, e annota i fatti della sua vita in una specie di diario.

Una sera, Susanna ingoia un flacone di aspirine con della vodka; viene soccorsa, e successivamente i genitori decidono di portarla in un ospedale psichiatrico, il Claymoore Hospital; lì, Susanna firma il ricovero.

Quando lo psichiatra diagnostica un disturbo borderline di personalità e lo riferisce ai genitori, aggiungendo che spesso è un disturbo ereditario, la coppia reagisce con deciso rifiuto, non tollerando di essere associati ad una malattia mentale.

Nell'ospedale Susanna incontra le sue compagne di permanenza: la leader Lisa, sociopatica carismatica e dominante, la ricca e viziata isterica Daisy, Polly, sconvolta per le ustioni accidentali subíte nell'infanzia, la bugiarda patologica Georgina e Janet, una ragazza anoressica. Tra Lisa e Susanna, inizialmente ostili, nasce una sincera amicizia: durante una loro ispezione notturna clandestina nell'ufficio amministrazione Susanna ha modo di leggere la sua cartella clinica, in cui viene definita sessualmente promiscua e borderline.

Un giorno Polly ha una crisi dopo aver osservato Susanna appartarsi in compagnia del suo ragazzo Toby: capisce che le cicatrici sul suo viso comprometterano la sua vita sentimentale. Per consolarla, Lisa e Susanna drogano l'infermiera di guardia e cominciano a suonare e cantare accanto alla porta della ragazza. Vengono rimproverate e sia Susanna sia Lisa vengono convocate nello studio della dottoressa Wick, la quale trasferisce Lisa in un altro reparto.

L'unica ad ascoltare realmente le ragazze è Valerie, un'infermiera che fa di tutto per salvare Susanna da sè stessa e dall'amicizia con Lisa, giudicata dannosa per la psiche della giovane scrittrice. Una notte Lisa, che non sopporta di dover subire l'elettroshock, raggiunge la stanza di Susanna e le due fuggono insieme. Raggiungono l'abitazione di Daisy, che era stata dimessa in precedenza. La ragazza accetta di ospitarle, ma Lisa inizia a provocarla con insinuazioni sul rapporto della ragazza con il padre (si scopre essere incestuoso). Al mattino Daisy, messa brutalmente di fronte allo squallore della sua vita, si impicca. Lisa non resta scossa per nulla dall'evento: ruba i soldi a Daisy e continua la fuga mentre Susanna, sconvolta, torna in ospedale, ora pronta ad affrontare un percorso di recupero.

Quando Lisa viene riportata nella clinica trova il diario di Susanna, e, invidiosa perché Susanna è considerata sana e sta per uscire, lo legge ad alta voce davanti a Georgina e Polly, svelando alcune considerazioni che la ragazza aveva fatto sulle due compagne. Susanna allora, accusa Lisa di essere "morta dentro" e le dice di aver capito che l'unico modo che la ragazza ha per sentirsi viva è quello di rimanere nella clinica, per tormentare le altre pazienti, e aggiunge che a nessuno importa più nulla di lei. Lisa viene scossa da queste parole e ha una grave crisi nervosa. Il giorno dopo Susanna, prima di essere dimessa, ha modo di parlare con Lisa, nel frattempo sedata e immobilizzata in un letto, e chiarire. Lisa le confessa che sentirà la sua mancanza. L'amicizia fra le due ragazze è salva.

Interpreti e personaggi.

Winona Ryder: Susanna Kaysen
Angelina Jolie: Lisa Rowe
Clea DuVall: Georgina Tuskin
Jared Leto: Tobias "Toby" Jacobs
Brittany Murphy: Daisy Randone
Elisabeth Moss: Polly "Torch" Clark
Jeffrey Tambor: dottor Melvin Potts
Vanessa Redgrave: dottoressa Sonia Wick
Whoopi Goldberg: Valerie Owens
Angela Bettis: Janet Webber
Jillian Armenante: Cynthia Crowley


Doppiatori italiani.

Micaela Esdra: Susanna Kaysen
Eleonora De Angelis: Lisa Rowe
Giovanna Martinuzzi: Georgina Tuskin
Roberto Gammino: Tobias "Toby" Jacobs
Rossella Acerbo: Daisy Randone
Alessandro Rossi: dottor Melvin Potts
Maria Pia Di Meo: dottoressa Sonia Wick
Rita Savagnone: Valerie Owens

Signs è un film fantascientifico del 2002 diretto da M. Night Shyamalan e interpretato da Mel Gibson e Joaquin Phoenix. Trama Nella contea...

Signs è un film fantascientifico del 2002 diretto da M. Night Shyamalan e interpretato da Mel Gibson e Joaquin Phoenix.

Trama
Nella contea di Bucks, Pennsylvania, dei misteriosi cerchi nel grano vengono ritrovati tracciati sul campo di mais di proprietà della famiglia Hess,

Il capo famiglia Graham è un pastore protestante che ha però smarrito la fede in Dio dopo la tragica morte della moglie in un terribile incidente stradale.

All'inizio sia da parte della Polizia sia da parte di Graham si pensa a uno scherzo di cattivo gusto operato da alcuni burloni, che già da tempo prendono di mira la famiglia Hess, ma poi - quando si scopre che i cerchi iniziano a comparire anche in India e piano piano in altre parti del mondo - cresce la tensione.

S'inizia a sospettare sempre più che questi cerchi nel grano siano in realtà dei punti di riferimento sfruttabili da ipotetiche navicelle aliene, anche a causa della comparsa di numerosi UFO sopra i cieli delle grandi città, tutti a circa 20 Km dai cerchi.

A un primo atteggiamento scettico di Graham, segue l'evidenza dei fatti quando egli stesso è protagonista di un incontro ravvicinato del terzo tipo con una creatura aliena tenuta segregata in uno stanzino all'interno della casa di proprietà di Ray, che involontariamente aveva provocato l'incidente mortale in cui perse la vita la moglie del religioso. Ray si trova dentro la macchina in un evidente stato di shock. Raggiunto da Hess egli chiede perdono per ciò che fece a sua moglie, distrutto dal rimorso e dai sensi di colpa per quello che accadde senza darsi pace. Prima di partire accenna ad Hans come ultima cosa che la sua destinazione è un posto vicino al lago. Infatti stando a quanto riportato in televisione, tutti i cerchi nel grano sono molto distanti dall'acqua, sostenendo che "loro" sembrano esserne infastiditi. Ray rivela infine ad Hess di avere avuto una collutazione con una delle creature che era entrata in casa sua, e di essere riuscito a rinchiuderla nel ripostiglio barricandola dentro.

Questo incontro avviene tutta via a distanza di sicurezza, in quanto Graham non aprirà mai la porta dello stanzino che lo separa dall'alieno, ma ne evincerà fattezze e intenzioni attraverso un'immagine riflessa in un coltello, che Hess fa scorrere sotto la porta. L'alieno, pronto ad attaccarlo, si scaglia verso il coltello e ha ovviamente la peggio, perdendo alcune dita della mano nel momento in cui questo veniva immediatamente retratto.

Tornato a casa Hess e la sua famiglia studiano il da farsi e decidono di barricarsi in casa, viste anche le scene di panico e le notizie diramate dalla televisione. Hess domanda al figlio che ha letto un libro su una possibile invasione come procederebbe se gli alieni fossero ostili. Il figlio risponde che se essi fossero venuti per appropriarsi delle risorse del pianeta sceglierebbero di effettuare un’invasione lottando a corpo a corpo senza usare nessuna arma tecnologica, consapevoli che se la lotta con i terrestri fosse degenerata in una guerra con armi nucleari, il pianeta sarebbe stato seriamente danneggiato divenendo inutile. Secondo il figlio di Hess il libro spiega che la fine può essere solo in due modi: gli uomini vincono e in questo caso, gli alieni, ritirerebbero per poi tornare secoli dopo, con un’invasione ancora più ampia. La seconda ipotesi invece: essi vincono e l'umanità è distrutta. Hess rivela infine alla famiglia impaurita di avere visto un alieno in casa di Ray, informando i famigliari della possibilità che forse gli alieni non tollerano l'acqua. Mettendo infine ai voti se andare o meno al lago, la famiglia di Hess crede sia più sicuro restare in casa.

Graham, insieme al fratello Merrill Hess, un ex giocatore professionista di baseball famoso per la potenza dei suoi tiri e detentore di numerosi record, provvede a blindare la casa attraverso l'apposizione di legni e chiodi alle finestre, in quanto si pensa che gli Alieni non siano capaci di sfondare le porte.

Quando sopraggiunge la sera, però, si accorgono che l'invasione ha avuto inizio e vengono uditi i primi segni della presenza degli alieni: il cane della famiglia, dimenticato in giardino, dapprima abbaia e ringhia, per poi iniziare a guaire fino a rimanere in silenzio.

Inizia poi il rumore di passi nella soffitta che, sbadatamente, non era stata rinforzata con le assi per impedirne l'apertura. I protagonisti si rifugiano in cantina, dove durante la notte il figlio del pastore viene colpito da un violento attacco d'asma, che Graham riesce a fargli passare, ammonendo però che il prossimo potrebbe essergli fatale se non fronteggiato con l'ausilio del medicinale.

La mattina seguente il pastore e suo fratello, accendono una vecchia radio e captando una trasmissione odono che gli invasori alieni sono stati sconfitti e i pochi sopravvissuti hanno abbandonato la Terra, e decidono quindi di avventurarsi nella casa alla ricerca del medicinale anti asmatico.

Nella breve euforia generale accade però nuovamente l'inaspettato: il figlio di Graham, nuovamente in crisi asmatica, viene preso in braccio da una creatura aliena, identificata da Hess come quella precedentemente chiusa nello stanzino a causa della mancanza di alcune dita in una mano.

A questo punto Graham, ricordando alcune parole pronunciate da sue moglie qualche istante prima di morire, invita suo fratello Merrill di "colpire forte", e quest'ultimo impugna una mazza da baseball appesa al muro e colpisce l'alieno, che un attimo prima aveva spruzzato un gas velenoso in faccia al bambino.

Con un primo colpo lo costringe a lasciare il bambino, mentre con i successivi urta accidentalmente uno dei bicchieri colmi d'acqua posti nelle varie mensole e ripiani di casa, a causa di una fissazione della figlia Bo, e l'acqua in esso contenuta schizza sull'alieno, ferendolo e mettendo a nudo il suo punto debole.

Si scopre quindi che gli Alieni erano in realtà "armati" solamente di un gas velenoso e sono stati tranquillamente sconfitti dagli umani anche con soli mezzi rudimentali, essendo "allergici" all'acqua.

Dopo che l'alieno è stato ucciso, ultimo rimasto sulla Terra della sua specie, l'attenzione si concentra sul bambino di cui ancora non si conoscono le sorti dopo le esalazioni tossiche dell'alieno, ma fortunatamente - a seguito del precedente attacco d'asma - il bambino non era stato posto nella condizione di respirare quel veleno, salvandosi.

Dopo alcuni mesi dai fatti narrati, lo spettatore nota Graham che si sistema la toga pastorale davanti ad uno specchio, a dimostrazione della recuperata fede e, pertanto, riprende ad esercitare il proprio ministero.

Interpreti e personaggi
Mel Gibson: Graham Hess
Joaquin Phoenix: Merrill Hess
Rory Culkin: Morgan Hess
Abigail Breslin: Bo Hess
Cherry Jones: ufficiale Paski
M. Night Shyamalan: Ray Reddy
Patricia Kalember: Colleen Hess
Doppiatori italiani
Claudio Sorrentino: Graham Hess
Francesco Bulckaen: Merrill Hess
Flavio Aquilone: Morgan Hess
Lilian Caputo: Bo Hess
Luigi Ferraro: Ray Reddy
Emanuela Rossi: Colleen Hess

Payback - La rivincita di Porter (Payback) è un film del 1998 diretto da Brian Helgeland con protagonista Mel Gibson. Si può considerare un ...

Payback - La rivincita di Porter (Payback) è un film del 1998 diretto da Brian Helgeland con protagonista Mel Gibson. Si può considerare un remake del film Senza un attimo di tregua (Point Blank) di John Boorman del 1967, essendo entrambi basati sul romanzo Anonima carogne di Donald E. Westlake.

Trama
Porter e Val, due ladri molto amici tra loro, rubano 140.000 dollari ad un gruppo di malviventi cinesi. Al momento di dividere il bottino, Val, con la complicità della moglie di Porter, Lynn (attirata con l'inganno), si prende tutti i soldi mentre la moglie spara al marito, convinta di ucciderlo. Porter, però, guarisce ed ha una sola idea: riprendere la sua parte di soldi (70.000 dollari) e uccidere Val. Quando torna a casa a Chicago, ritrova la moglie Lynn oramai abbandonata da Val e distrutta, che la notte stessa muore per una dose di eroina. Da qui parte la caccia a Val, che nel frattempo è entrato a far parte di una potentissima organizzazione criminale, detta l'"Organizzazione"; lo farà con l'aiuto di Rosie, prostituta d'alto bordo e causa del tradimento della moglie.

La sua ricerca si tramuta in una escalation continua: l'Organizzazione protegge i propri associati e per riavere quei soldi (una briciola per l'organizzazione) Porter si ritrova a sfidare l'intero sistema, tra cui i poliziotti corrotti e i mafiosi cinesi inclusi.


Interpreti e personaggi
Mel Gibson: Porter
Gregg Henry: Val Resnick
Maria Bello: Rosie
David Paymer: Arthur Stegman
Bill Duke: Det. Hicks
Jack Conley: Det. Leary
Deborah Kara Unger: Lynn Porter
Lucy Liu: Pearl
John Glover: Phil
William Devane: Carter
James Coburn: Fairfax
Kris Kristofferson: Bronson
Trevor St.John: Johnny Bronson
Freddy Rodríguez: Valet


Doppiatori italiani
Claudio Sorrentino: Porter
Luca Ward: Val Resnick
Micaela Esdra: Rosie
Vittorio Stagni: Arthur Stegman
Claudia Razzi: Pearl
Sergio Di Giulio: Carter
Pietro Biondi: Fairfax
Glauco Onorato: Bronson
Nanni Baldini: Johnny Bronson
Stefano Crescentini: Valet

Il colore della notte (Color of Night) è un film del 1994 diretto da Richard Rush, con Bruce Willis e Jane March. Trama New York: il dotto...

Il colore della notte (Color of Night) è un film del 1994 diretto da Richard Rush, con Bruce Willis e Jane March.

Trama
New York: il dottor Bill Capa è uno psicanalista sconvolto dal suicidio di una sua paziente, lanciatasi dalla finestra del suo studio proprio davanti ai suoi occhi: il tragico evento gli procurerà infatti uno shock tale da non poter più distinguere chiaramente il colore rosso (per via del sangue).

Si trasferisce a Los Angeles, a seguire una terapia di gruppo guidata da un suo amico e collega, il dottor Moore che lo ospita nella sua lussuosa villa. Il dottor Moore viene però brutalmente assassinato con numerose coltellate e Bill prenderà il suo posto alla guida del gruppo di pazienti affrontando una serie di delitti collegati al suo nuovo gruppo. Nel frattempo - complice un tamponamento - conosce Rose, una bellissima quanto enigmatica ragazza, con la quale imbastirà una focosa relazione. Quello che Bill non può immaginare è che l'incontro con "Miss Tamponatina" (come la stessa Rose si definisce) non era affatto stato casuale e che è proprio Rose la chiave per risolvere il mistero.

Colonna sonora


Nel film sono presenti le seguenti canzoni:

Love Theme - Dominic Frontiere
Color Blind - Dominic Frontiere
Sessions - Dominic Frontiere
Rain - Lauren Christy
The Color Of The Night - Jud Friedman, Lauren Christy, Dominic Frontiere
The Color Of The Night (Strumentale) - Brian McKnight
Rose's Theme - Dominic Frontiere
Etude For Murder - Dominic Frontiere
The Photograph - Dominic Frontiere
Just To See You - Lowen & Navarro

Interpreti e personaggi
Bruce Willis: dottor Bill Capa
Jane March: Rose/Bonnie/"Richie"
Rubén Blades: ten. Héctor Martínez
Lesley Ann Warren: Sondra Dorio
Scott Bakula: dott. Bob Moore
Brad Dourif: Clark
Lance Henriksen: Buck
Kevin J. O'Connor: Casey Heinz
Andrew Lowery: Dale Dexter
Eriq La Salle: det. Anderson
Shirley Knight: Edith Niedelmeyer
Doppiatori italiani
Mario Cordova: dottor Bill Capa
Claudia Razzi: Rose/Bonnie/"Richie"
Eugenio Marinelli: ten. Héctor Martínez
Roberta Paladini: Sondra Dorio
Mauro Gravina: dott. Bob Moore
Maurizio Fardo: Clark
Pietro Biondi: Buck
Riccardo Niseem Onorato: Dale Dexter

I predoni (Marauders) è un film del 2016 diretto da Steven C. Miller con protagonisti Christopher Meloni, Bruce Willis e Dave Bautista. A og...

I predoni (Marauders) è un film del 2016 diretto da Steven C. Miller con protagonisti Christopher Meloni, Bruce Willis e Dave Bautista.

A oggi la miglior prova dietro la macchina da presa di Steven C. Miller, regista di b-movie recuperanti star del genere in parziale declino, I predoni è un solido action thriller che pur non apportando sostanziali modifiche al filone possiede una profonda solidità d'insieme.

Trama
Dopo che una banca viene colpita da una brutale rapina per mano di un drappello di uomini ben addestrato, tutti i sospetti cadono sul proprietario Jeffrey Hubert. Il detective Montgomery ha da poco appagato la sua sete di vendetta nei confronti dell’assassino della moglie, quando gli viene affidato un caso di efferata violenza che lo fa sprofondare nuovamente nel baratro infernale, un drappello di uomini ben addestrato sta portando a termine una serie di rapine in città, l’incursione termina sempre con un'esecuzione di uno degli ostaggi. Mentre il gruppo di rapinatori continua a colpire mortalmente, diventa subito chiaro che c’è in gioco una cospirazione più grande dovuta forse ad un vecchio debito che qualcuno è venuto a riscattare.

Interpreti e personaggi
Christopher Meloni: Ag. speciale Jonathan Montgomery
Bruce Willis: Jeffrey Hubert
Dave Bautista: Ag. Stockwell
Adrian Grenier: Ag. speciale Wells
Texas Battle: Ranger TJ Jackson
Johnathon Schaech: Detective Mims


Doppiatori italiani
Riccardo Lombardo: Ag. speciale Jonathan Montgomery
Luca Biagini: Jeffrey Hubert
Roberto Draghetti: Ag. Stockwell

Random Posts

follow us in feedly Segnala Feed WebShake – spettacolo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Aggregatore di blog FeedelissimoItalian Bloggers Blog ItalianiAggregatore My Ping in TotalPing.com