Home » , » Delitto pasionale un film di cui si apprezza la brevità.

Delitto passionale è un film del 1994, diretto da Flavio Mogherini con Serena Grandi e Fabio Testi . Secondo i titoli di testa il film è...

Delitto passionale è un film del 1994, diretto da Flavio Mogherini con Serena Grandi e Fabio Testi.

Secondo i titoli di testa il film è ispirato ad una storia realmente accaduta vent'anni prima in un paese dell'Est Europeo.

Il riferimento iniziale a una storia accaduta vent'anni fa in un paese dell'Est non è sufficiente a tener desta l'attenzione per una storia che vede morire delle donne che ruotano attorno a un attore di teatro.

Trama.
Una scrittrice di successo di origine italiana, sposata ad un impresario teatrale di Sofia viene brutalmente assassinata a colpi di pistola dopo aver consumato un rapporto sessuale con un suo amante londinese. L'omicidio avviene nella camera di un importante hotel bulgaro. Subito dopo la morte della donna, la polizia locale, apre un'indagine serrata che vede tra i sospettati anche il marito della donna, Peter Doncev. In occasione del funerale della moglie, Peter, conosce Tania, sorella della scrittrice e quindi sua cognata nonché zia di Anja, unica figlia di Peter Doncev.

Tania, giunta a Sofia da Firenze, decide di rimanere nella capitale bulgara, se non altro per collaborare col la servitù nella tenuta della casa e, soprattutto, per prendersi cura di Anja che, dopo la morte della madre, vede peggiorare il suo stato di salute. La ragazzina, già paralitica a seguito di un antico shock nervoso, vive con grossa drammaticità la morte della madre. La polizia, nel frattempo, ferma un vagabondo che dopo ripetuti e bruti interrogatori, finisce col confessare di essere l'assassino della signora Doncev. Di ciò non è però convinto Ivan, giovane ispettore, che rimprovera il suo superiore di aver strappato al malcapitato una confessione con la violenza.

Nel frattempo Tania, stabilitasi oramai definitivamente in casa Doncev, decide di collaborare col cognato nella realizzazione di uno spettacolo teatrale nel quale dimostra ottimi doti d'attrice drammatica. Ciò causa la gelosia di Julia, attrice e collega, da tempo legata sentimentalmente a Peter. Nonostante l'astio fra le due prime donne, la riuscita degli spettacoli è notevole e, Tania, diviene un ottimo valore aggiunto per la compagnia. Tania stringe amicizia con Milena, attrice facente parte della troupe di Peter e ora sua collega. Una sera, mentre Milena sta nuotando in una piscina comunale, una persona claudicante entra nello stabile. La piscina, visto l'orario tardo, è praticamente deserta e, l'assassino, spara sulla malcapitata una grossa quantità di colpi di pistola che riecheggiano spaventosamente nell'ambiente insonorizzato. Milena muore.

La polizia stabilisce che la pistola che ha ucciso Milena è la stessa che uccise la signora Doncev. Il vagabondo viene rilasciato e la polizia è di nuovo daccapo. Dopo sospetti, indagini, incertezze la polizia finisce con l'incriminare Peter Doncev che, nel tentativo di fuggire, perde la vita. Viene dunque attribuita a Peter la responsabilità per i due omicidi ma, Ivan, il giovane poliziotto non è convinto della sua colpevolezza. Forse, Peter, stava coprendo qualcuno. Ivan si precipita a casa Doncev e salva Tania appena in tempo: l'assassino è Anja, la giovane figlia di Peter che, affetta da paralisi nervosa, uccideva le persone che potevano allontanarla dal padre.

In preda ad un delirio schizofrenico Anja viene condotta in un ospedale psichiatrico. Il film termina con la visita che Tania fa alla nipote. Nella sua cella d'ospedale, Anja, mantiene lo sguardo fisso su un piccolo pupazzo animato e ripete in maniera compulsiva la frase "Resta con me papà?". Tania, nel vedere la scena, piange disperata. Prima dei titoli di coda, in sovrimpressone, viene comunicato che la ragazza è a tutt'oggi detenuta presso un ospedale psichiatrico dell'Est Europeo.

Leggi anche: Under Suspicion un buon giallo, diligente, ma non troppo incisivo.
Interpreti e personaggi.
Serena Grandi: Tania
Fabio Testi: Peter Doncev
Florinda Bolkan: Julia Yancheva
Paul Martignetti: Ivan Zanev
Cesare Barro: James
Anna Maria Petrova: Milena Radeva
John Armstead: ispettore capo
Magda Bonifacio
Daniele Stroppa
Vessela Dimitrova
Ania Pencheva
Susanna Bugatti
Valcho Kamarashev

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
rss-icon-feed-1_thumb2

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

2 commenti:

  1. Un soggetto improbabile quanto abusato: siamo dalle parti della serie Z e quello che, inquadratura dopo inquadratura, ci viene propinato non fa che confermare implacabilmente le premesse. Una domanda: che bisogno c'era di girarlo in Bulgaria?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La regia mi sembra non all'altezza dell'argomento: per esempio si capisce subito che l'assassino è la figlia quando la inquadratura della piscina mostra l'andatura (all'inizio) di una persona zoppicante. Il resto nella norma.

      Elimina

Random Posts

Archivio

follow us in feedly Segnala Feed WebShake – spettacolo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Aggregatore di blog FeedelissimoItalian Bloggers Blog ItalianiAggregatore